10 ottobre 2009

394) Sarà proprio così salubre l’aria di una città sorvolata ogni tre minuti da aerei in decollo o in atterraggio ?


Sarà proprio così salubre l’aria di una città sorvolata ogni tre minuti da aerei in decollo o in atterraggio ?


Avviene all’aeroporto di Orio al Serio, chiamato pomposamente Aeroporto Internazionale di Milano- Orio al Serio, (perché se lo chiamavano semplicemente aeroporto di Bergamo nessuno lo avrebbe cagato), che ogni tre minuti ci sia un aereo in partenza o in arrivo.
Bisogna sapere che questo aeroporto è situato alla periferia della città, e quindi gli aerei la sorvolano ad altezza di un grattacielo di venti piani.

A parte il rumore dei motori che si scaldano per la partenza o quello dei motori fatti andare su di giri per poter effettuare la frenata in fase di atterraggio scalando le marce, quello che più dà fastidio ai cittadini di Bergamo è l'assordante rumore dei sorvoli a bassa quota sulle loro case e la frequenza ormai frenetica da aeroporto metropolitano che essi hanno assunto.

D’estate non si può dormire con le finestre aperte perché, in barba agli orari ufficiali , anche nelle ore notturne è un via vai continuo di partenze e arrivi e il loro rumore ti entra nel cervello.
Provate ad avere un bambino piccolo che già è difficile per il caldo estivo mandarlo a letto e farlo addormentare, e poi ogni qualche minuto sentire la vostra casa sorvolata da un aereo il cui rumore ve lo sveglia di soprassalto facendolo piangere dal terrore.
Sono notti infernali, da incubo.


E pensare che questo aeroporto non era vent’anni fa che un piccolo aeroporto militare abbandonato, sede di un aero club per l’addestramento dei piloti di piccoli aerei privati.
Poi è venuto in mente a qualcuno, malato di megalomania, che la città di Bergamo si meritava, per la sua vicinanza con Milano, e per la industrializzazione del suo territorio, di avere non solo un’autostrada per il traffico di merci e di persone che parte praticamente dal centro della città, ma di avere diritto ad un aeroporto in piena regola per esportare la bergamaschità, il suo dialetto e i suoi prodotti in tutto il mondo.
Hanno anche scoperto che Bergamo poteva considerarsi una città d’arte perché aveva dato i natali a Donizetti e a qualcun altro e hanno fatto due conti per stimare quanti turisti un aeroporto avrebbe potuto attirare.

Si è cominciato con l’ipotizzare due, tre milioni di turisti annui, il che avrebbe di fatto obbligato ad avere una frequenza di decolli ed arrivi di un aereo ogni mezz'ora.
Poi, col trascorrere degli anni, avendo l’aeroporto stretto alleanza con la Ryan Air irlandese, la compagnia aerea dei voli low cost, si è incrementata la frequenza dei voli ad una decina di minuti.

Oggi siamo ad una media passeggeri di dieci milioni annui, ed ogni tre minuti, come si diceva, la città è sorvolata da un aereo.


Se poi oltre al rumore causato dagli aerei, si fa un calcolo della quantità di gas di scarico da kerosene che esce dai tubi di scappamento di un aereo durante il sorvolo, e che è circa pari alle emissioni inquinanti di 100 Tir, si può ragionevolmente capire che razza di aria pura e salubre siano costretti a respirare i cittadini della città e dei paesi confinanti con l’aeroporto e in che razza d’inferno vivano queste persone.
(Detto tra noi, il kerosene è un combustibile aromatico 100 volte più tossico della comune benzina e i suoi gas di scarico non completamente bruciati immettono nell' aria sostanze molto cancerogene).

Ma, si dice, l’aeroporto porta benessere e crea posti di lavoro.
 Arriveranno milioni di turisti:vuoi mettere quante persone verranno a visitare la nostra città?

E’ stato dimostrato che su dieci milioni di persone transitate nell’aeroporto , 9 milioni salgono immediatamente sui bus diretti a Milano, per ritornare in aeroporto la sera stessa e ripartire.

Del milione che rimane sul territorio bergamasco , circa 900mila persone si limitano a trascorrere la giornata visitando gli ipermercati sorti come funghi nelle vicinanze dell'aeroporto (aperti otto giorni su sette) e consumando i loro pasti presso i relativi Mac Donalds o fast fooods, e solo centomila persone si avventurano per qualche ora alla visita della città e dei suoi monumenti, per la gioia di qualche bar e di qualche paninoteca del centro storico.


Dove sono andati a finire tutti questi grandi benefici per la popolazione, costretta invece a sopportare in continuazione il rumore degli aerei e a sorbirsi il continuo degrado dell’aria che respira?

Lo sviluppo così abnorme e repentino di un aeroporto di una piccola città di provincia che si crede di essere diventata improvvisamente il centro del mondo , ha dato alla testa alle autorità comunali che stanno stringendo in questi giorni accordi con la solita Ryan Air, perchè si giunga in occasione del 2015, anno dell’EXPO di Milano, ai 30 milioni di passeggeri in transito.

Sono cifre da follia pura e cruda.

Qui adesso (se mai è stato fatto) non si fa più l’interesse della cittadinanza, ma ci si cura semplicemente di incrementare il portafoglio di qualche potentato economico, e Dio ci scampi e liberi che, con la ipotizzata frequenza negli anni a venire di un volo praticamente ogni minuto, (peggio che New York), non succeda prima o poi un incidente aereo durante il sorvolo della città, nella quale, guardate un pò che idiozia, alcuni folli architetti stanno progettando la costruzione di grattacieli alti più di trenta piani.

Per intanto, sperando che non accada mai niente, la popolazione bergamasca non solo non sta traendo alcun beneficio dal suo aeroporto, ma sta semmai arricchendo la casistica ospedaliera come in assoluto la popolazione italiana più predisposta alle malattie da stress acustico e delle vie respiratorie.

E tutto questo grazie all’ aeroporto Internazionale di Milano- Orio al Serio.
Che di serio ha solo lo sfinimento e l’incazzatura della popolazione bergamasca.

Scegli altri articoli tra gli argomenti della Sitemap.


altri articoli su : Casa Ambiente Ecologia




Eliminiamo le barriere architettoniche.Rispettiamo i più sfortunati tra noi. Hanno i nostri stessi diritti.

2 commenti:

  1. Uno a cui piace la verità...13 ottobre 2009 15:43

    Complimenti per l'articolo pieno di fantasie, illazioni, inesattezze e vere e proprie stronza*e...(se mi passa il termine). Vediamo di fare un pò di ordine...

    1. "Oggi siamo ad una media passeggeri di dieci milioni annui" >>> si, nella tua testa visto che siamo a 6 milioni.

    2. "ogni tre minuti la città è sorvolata da un aereo" >>> il numero MASSIMO di movimenti orari è di 32 (16 atterraggi e 16 decolli), tale media però è raggiunta solamente in alcune ore della giornata, durante la massima concentrazione dei voli. Non è che tutto il giorno partono ogni 3 minuti...

    3."razza di aria pura e salubre siano costretti a respirare i cittadini" >>> tutta colpa dell'aeroporto? e degli aerei? A brescia non c'è un aeroporto degno di questo nome, mi pare che pure lì si superino sempre i livelli massimi di inquinanti stabiliti dall'UE... come del resto in praticamente tutta la lombardia. questo per la particolare conformazione di quella che è la pianura padana... ma se vuoi possiamo chiudere l'autostrada e le tangenziali e magari già che ci siamo non usare il riscaldamento d'inverno.

    4."l’aeroporto porta benessere e crea posti di lavoro" vuoi forse contestare questo fatto? Ma ti informi prima di scrivere o vai cosi a fantasia? Sai quanti hotel sono stati aperti negli ultimi 3 anni in bergamasca? Evidentemente proprio no! Sai quanti bed and breakfast? e gli ostelli? E se lavorano di piu bar e ristoranti che a loro volta danno lavoro ad altri bergamaschi è una cosa che ti fa schifo? E se ci fosse anche solo uno straniero in piu che visita la nostra città, una mostra o un museo! O li devono visitare solo i bergamaschi?

    5. "E’ stato dimostrato che su dieci milioni di persone transitate nell’aeroporto" e ridaglie... non inventare i dati! non siamo nemmeno a 7 milioni di passeggeri... se non ci credi visita anche solo wikipedia, o il sito assoaeroporti o l'enac... e quali sarebbero le fonti di queste tue statistiche? L'università di topolinia o il mago zurlì???

    6. "ha dato alla testa alle autorità comunali che stanno stringendo in questi giorni accordi con la solita Ryan Air, perchè si giunga in occasione del 2015, anno dell’EXPO di Milano, ai 30 milioni di passeggeri in transito." >>> questa poi è la piu divertente!!! ghghgh 30 milioni di passeggeri! Si certo, dove li mettiamo??? SACBO, Comune, Provincia, ... ma anche la mia vicina di 90 anni analfabeta sa benissimo che l'aeroporto di Orio ha dei limiti strutturali INVALICABILI che non gli consentiranno MAI E POI MAI di superare i tuoi famosi 10 milioni di passeggeri, figuriamoci i 30... queste fantasticherie dove le hai scovate? E' venuto l'angioletto stanotte a suggerirtele?

    7. "Sono cifre da follia pura e cruda." >>> Ah, scusa.. allora lo sai che sono cifre semplicemente inventate!

    Dai basta, perché per oggi mi son divertito fin troppo a sbugiardarti punto per punto...

    Spero che tu abbia avuto almeno la decenza di leggere il mio commento fino in fondo.. cmq prima di scrivere stronzate informati meglio... se si vuol parlare seriamente di esigenze ambientali, inquinamento acustico e dei problemi legati allo sviluppo aeroportuale è un conto... se invece si vuole sparare stronzate allegramente è tutto un altro discorso... Senza rancore eh...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uno a cui piace la verità, spero che ai tuoi figli venga il cancro. Bastardo.

      Elimina